“IN MARCIA! PACIFISMO E (NON)VIOLENZA NEI BALCANI”

Trento
Sabato, 13 Ottobre, 2012
Saranno don Albino Bizzotto, fondatore dell'associazione "Beati i costruttori di pace" e don Renato Sacco, di Pax Christi, tra i partecipanti e promotori della marcia pacifista di Sarajevo del 1992, i protagonisti dell'evento speciale in programma domenica 14 ottobre nell'ambito della XV edizione di Religion Today Filmfestival. L'appuntamento, al Teatro San Marco di Trento, con inizio alle ore 17.30, è intitolato “In marcia! Pacifismo e (non)violenza nei Balcani” ed è organizzato in collaborazione con la Fondazione Alexander Langer di Bolzano. L'incontro sarà introdotto da Serena Rauzi per la Fondazione Langer. Verrà proposta tra l'altro la proiezione di interviste e di clip dal documentario di Adriano Sofri "Il giorno in cui il Papa non andò a Sarajevo". Nel 1994 la possibilità di una visita del Pontefice diventa molto concreta: un ambasciatore portatore di un messaggio di pace, in una guerra in cui l'appartenenza religiosa è causa di scontro tra vicini di casa. Adriano Sofri documenta la grande attesa, poi disillusa, di quel portatore di speranza in una città massacrata.
A vent’anni di distanza dalla marcia pacifista di Sarajevo, le memorie di una guerra in cui l'appartenenza etnica e religiosa veniva ab-usata per “giustificare” la violenza saranno lo spunto per una riflessione sul pacifismo e il dialogo interreligioso a confronto con le lacerazioni del tempo presente.
In serata, a partire dalle ore 20.30, un doppio appuntamento con il cinema d’autore italiano, quest’anno rappresentato al Festival da film a soggetto e documentari di particolare impegno e qualità. Il film “Sa Gràscia” di Bonifacio Angius, in particolare, verrà presentato in collaborazione con il Circolo Sardo “Giuseppe Dessi”. Il film racconta, nel contesto di una Sardegna antica, il pellegrinaggio di un bambino verso la chiesa del Santo che gli ha “salvato la vita”. Seguirà la proiezione di “Limen”, film di fantapolitica ambientato in un passato recente scosso da un fondamentalismo cristiano.
 
Anche quest'anno Religion Today guarda con particolare attenzione ai diversi pubblici. La seconda settimana del Festival vedrà tra l’altro nel pomeriggio e nella serata di lunedi 15 e martedi 16 ottobre le collaborazioni con la cooperativa Kaleidoscopio, con il Cineforum di Trento e con l'associazione
Fratel Venzo. Religion Today apre in particolare un’inedita finestra sulle confluenze tra temi religiosi e generi cinematografici, dal western (“The Last Christeros”) al giallo deduttivo in ambientazione buddista (“Mindfulness and Murder”), fino all’intersezione tra cinema, pittura e religione nel lungometraggio “I colori della Passione” di Lech Majewski, da rileggere sullo sfondo del tema dell’anno del Festival.