DONNE IN VENDITA: LUNGO LE ROTTE DELLE NUOVE SCHIAVITÙ

Trento
Martedì, 4 Marzo, 2014
La pluriennale attenzione di Associazione BiancoNero - Religion Today Filmfestival al complesso rapporto tra religioni e differenze di genere, con riguardo anche al tema tristemente attuale dello sfruttamento e della violenza contro le donne, si rinnova con un evento speciale organizzato in occasione della Giornata Internazionale della Donna.
La serata, intitolata “Donne in vendita: lungo le rotte delle nuove schiavitù”, è in programma giovedì 6 marzo 2014, alle ore 20.45, a Trento, presso il Centro Bernardo Clesio in via Barbacovi 4.
L'incontro rientra nell'ambito delle proiezioni mensili organizzate con il Centro
Bernardo Clesio e vede anche una nuova collaborazione con la Fondazione S. Ignazio, alla quale aderiscono sia BiancoNero, sia l'Associazione L'AltraStrada, partner dell'iniziativa in programma giovedì.
L’evento intende approfondire il fenomeno della tratta di esseri umani a fini di sfruttamento sessuale attraverso un'indagine sulla prostituzione nigeriana tra cinema, società, fede e superstizione. In programma la proiezione del film-inchiesta “Ware Frau - Woman for sale” dei registi tedeschi Lukas Roegler e Katrin Eckert. Il documentario segue le complesse e drammatiche vicende intercontinentali che ogni anno sconvolgono le vite di giovani ragazze africane, costrette a prostituirsi nelle strade delle grandi e piccole città europee.
Interverranno padre Alberto Remondini sj, presidente della Fondazione S. Ignazio e Valentina Musmeci e Fernanda Alfieri dell'Associazione L'AltraStrada.
L'ingresso è libero.
 
WARE FRAU-WOMAN FOR SALE, Lukas Roegler e Katrin Eckert, Germania, 2013, 45’
Il documentario racconta le storie di giovani donne nigeriane il cui sogno di un futuro migliore si trasforma nell'incubo della prostituzione nei bordelli della Germania. Indagando la realtà della Nigeria, i giornalisti investigativi Katrin Eckert e Lukas Roegler svelano come tante donne vengano vincolate ai loro trafficanti attraverso riti occulti per essere sfruttate come schiave sessuali, fino a che non ripagano il loro “debito”.
In concorso nella sezione “Wo-Men” nella XVI edizione del Religion Today Filmfestival.