UNA MARATONA DI APPUNTAMENTI SU TUTTO IL TERRITORIO REGIONALE

Trento, Pergine Valsugana, Merano e Bolzano
Domenica, 7 Ottobre, 2018

_

Quinta giornata di Festival per Religion Today, che lunedì 8 ottobre moltiplica le proposte e le sedi, in una maratona di appuntamenti distribuiti tra Trento, Pergine Valsugana, Merano e Bolzano.

A Trento il workshop internazionale continua con una nuova masterclass dedicata al dialogo interreligioso, in programma dalle ore 9.00 presso la sede di Trentino Film Commission, a cura della monaca buddista Yoo Younguee e di don Cristiano Bettega per l’Arcidiocesi di Trento. Younguee sarà protagonista anche in serata della proiezione speciale del suo film “Sermon on the Mount”, che in uno spirito di mutuo arricchimento rilegge con profondità i principi evangelici; all’incontro, che avrà inizio alle ore 20.30 a Villa S. Ignazio, interverrà anche l’Arcivescovo emerito di Trento Mons. Luigi Bressan.

Nel pomeriggio e alla sera il fitto calendario delle proiezioni nel capoluogo trentino riprende spostandosi al Cinema Modena, che a partire dalle ore 15.00 proporrà una selezione dei film del concorso ufficiale, aprendo sulle note poetiche del lungometraggio turco “My Short Words”, ispirato ai racconti di viaggio del poeta mistico sufi Mevlana Rumi. Nella lunga nonstop si segnala l’appuntamento con “The Pillars of Heaven”, presentato dal regista Nicholas Rooney, giovane diplomatico britannico che ha abbandonato la carriera e rischiato la sua stessa vita in un viaggio nel territorio martoriato dell’Ucraina. Con la guida di soldati, cappellani militari, peacekeeper, operatori umanitari, rifugiati, leader ecclesiastici, "terroristi" e vittime del conflitto, la sua odissea, tra la vigilia di Natale e l’Epifania, lo ha portato dai Monti Carpazi a Kiev, fino alla zona di guerra di Donetsk, alla ricerca del cuore nero del conflitto e di una speranza di pace.

La sessione delle 21.00 si concluderà con il film del regista Nathan Leon “Prodigy” (USA 2018); e il “prodigio” - ciò che travalica l’esperienza del quotidiano, l’invisibile, il trascendente – è da subito al centro di una storia che vince la sfida di rileggere i temi del Festival attraverso il registro del film drammatico e d’azione.

 

Per il ciclo degli aperitivi letterari delle 17 al giardino vescovile, sarà protagonista la fondatrice di Religion Today, Lia Giovanazzi Beltrami, con il suo libro “Libertà Incontro Avventura” (Edizioni del Faro), che già nel titolo sintetizza una dimensione di vita centrata su valori indispensabili per la convivenza in una società plurale; la conversazione con l’autrice rilancerà la possibilità di dialogo nella valorizzazione delle singole identità.

 

Dopo la fortunata “edizione zero” del 2017, si rinnova inoltre la collaborazione con l’associazione Noi Oratori per una serata dedicata al cinema Anti-War e una nuova denuncia degli effetti della guerra al Teatro Don Bosco di Pergine Valsugana; alla proiezione del film israeliano “Beneath the Silence” parteciperanno i registi Erez Mizrahi e Sahar Shavit.

 

Anche la consolidata partnership con Merano si rinnova con una nuova significativa sede presso la chiesa delle Dame inglesi e un programma di cortometraggi che valorizza l’anima cosmopolita e multireligiosa della cittadina. Nel circuito del Festival torna inoltre in primo piano la città di Bolzano, che presso l’Istituto Rainerum ospiterà tra l’altro la presentazione, a cura della giovane coordinatrice Bernadette Schramm, del progetto “Refugee Voices in film”: il progetto, lanciato al Festival di Cannes, illustra l’uso diversificato del film da parte dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) come importante strumento di informazione, sensibilizzazione e raccolta fondi per affrontare la più importante crisi umanitaria globale del nostro tempo.

 

A seguire il programma e le schede film.

La partecipazione agli appuntamenti è libera e gratuita con l’eccezione delle proiezioni al Cinema Modena di Trento (5 € a slot o 10 € tutta la giornata per info www.cineworldtrento.it).

 

Lunedì 8 ottobre

 

Trento, Cinema Modena, viale S. Francesco D'Assisi 6

ore 15:00

>My Short Words, di Bekir Bulbul, Turchia, 70'

>Land of the Homeless, di Marcin Janos Krawczyk, Polonia , 50'

 

ore 17:15

>Child Mother, di Ronen Zaretzky e Yael Kipper, Israele, 90'

 

ore 19:00

>The Pillars of Heaven, di Nicholas Rooney, Ucraina, 90'

>Prison Prayer di Miljan Gogic, Serbia, 18'

 

ore 21:00

>Clash of Morality, Vinay Pujara, USA, 18'

>Prodigy di Nathan Leon, USA, 109'

 

Trento, giardino Vescovile, via San Giovanni Bosco

ore 17:00

>Libri nel mondo a cura di Edizioni del Faro

incontro con Lia Beltrami, autrice di Libertà, incontro, avventura

 

Villa S. Ignazio, via delle Laste 22

ore 20:30

>Sermon on the Mount di Yoo Younguee, Corea Korea, 124'

con Mons. Luigi Bressan, arcivescovo emerito di Trento

 

Pergine Valsugana, Teatro Don Bosco, via Regensburger

ore 20:45

>Beneath the Silence, di Erez Mizrahi e and Sahar Shavit, Israele, 106'

>Italian Miracle, di Francesco Gabriele, Italia/Regno Unito, 9'

 

Merano, Chiesa delle Dame inglesi, piazza della Rena

ore 19:00

>Keren Or (A Ray of Light) di Lihi Sabag, Israele, 30'

>I’m From the Jews di Aharon Shem Tov e Niv Hachlili, Israele, 17'

>Zorn dem Volke di Lorenz Piehl, Germania, 15'

 

Bolzano, Istituto Rainerum - Salesiani Don Bosco, Piazza Domenicani 15

>6 Times Human, di Pourya Dailar, Iran, 10’

>Across the Line, di Nadav Shlomo Giladi, Israele, 29’

>ZORN dem Volke di Lorenz Piehl, Germania, 15'

A seguire

> Incontro con Bernadette Schramm e presentazione del progetto “Refugee Voices in film” dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR).

 

 

SCHEDE FILM

 

My Short Words

Bekir Bulbul, Turchia, 70'

Adattamento delle storie di viaggio del poeta mistico sufi Mevlana Rumi e del teologo Said Nursi, la lunga giornata di tre bambini, partiti alla volta del grande lago appena visibile dal loro piccolo villaggio anatolico, ci offre un ritratto puro dell'esistenza, della ricerca e del viaggio attraverso gli occhi di un bambino.

 

Land of the Homeless

Marcin Janos Krawczyk, Polonia, 50'

Dopo la scomparsa di Padre Paleczny, che aveva dedicato la vita ai senzatetto, un gruppo di suoi amici di Varsavia si incarica di realizzare le sue ultime volontà: costruire un grande yacht che li porti in giro per il mondo. Tra loro c’è Sławek, un saldatore dipendente dall'alcool. Riuscirà a portare a termine il lavoro?

 

Child Mother

Ronen Zaretzky e Yael Kipper, Israele, 90'

Le storie di vita di donne nate in Marocco e Yemen che si erano sposate da ragazzine. Attraverso i loro ricordi prende forma il dramma delle spose bambine, comune a migliaia di donne che vivono in Israele e a milioni di donne in tutto il mondo.

 

The Pillars of Heaven

Nicholas Rooney, Ucraina, 90'

Un giovane diplomatico britannico abbandona la carriera e rischia la sua stessa vita in un’odissea che, tra la Vigilia di Natale e l’Epifania, lo conduce al cuore martoriato dell’Ucraina, tra gli idillici Carpazi alle dorate cupole di Kiev e la zona di guerra di Donetsk cercando l’anima della sua nazione e qualcosa che possa portare pace. Una ricerca profonda, elevata e spirituale.

 

Prison Prayer

Miljan Gogic, Serbia, 18'

La storia di alcuni prigionieri che costruiscono una chiesa nella loro prigione, dipingendola con murales.

 

Clash of Morality

Vinay Pujara, USA, 18'

Mohamed e Richard, bloccati in ascensore, si scontrano sui loro valori morali. Mohamed affronta Richard per il giudizio di quest’ultimo sulla sua apparenza e sulla sua religione.

 

Prodigy

Nathan Leon, USA, 109'

Un padre deve proteggere suo figlio estraniato dal mondo esterno quando il ragazzo prevede con precisione tre eventi relativi alla fine del mondo. Una riflessione sulla trascendenza calata nel mondo contemporaneo, vicina agli esempi del cinema d’azione.

 

Sermon on the Mount

Yoo Younguee, Corea, 124'

Possono otto giovani trovare la vera risposta? Che cos’è l’albero della conoscenza e il frutto proibito? Perché Dio crea il frutto e lascia che venga mangiato? Da sempre l’umanità riflette su grandi temi quali la conoscenza, il peccato, la verità, la vita stessa. In questo film diretto da una monaca buddista, otto giovani meditano su questi argomenti vedendo nella redenzione di Cristo la sola via verso la salvezza dell’umanità.

 

Beneath the Silence

Erez Mizrahi e Sahar Shavit, Israele, 106'

1973. Sei anni dopo la Guerra dei Sei Giorni, Menashe è vittima di DPTS (disturbo da stress post-traumatico). In un tempo in cui questa malattia non è ancora riconosciuta, Daphna, sua moglie, fatica a ricevere aiuto dall’esercito per mantenere la sanità del marito, mentre il piccolo Shlomi prova a capire cosa è successo a suo padre.

 

Italian Miracle

Francesco Gabriele, Italia/Regno Unito, 9'

Il parroco del paese chiede al giovane Antonio di tradurre la confessione di una donna di lingua inglese. In disaccordo con i consigli del sacerdote, Antonio dovrà prendere una decisione che potrebbe cambiare il corso della vita di lei e, forse, anche di se stesso.

 

Keren Or (A Ray of Light)

Lihi Sabag, Israele, 30'

Michal è una ragazza madre che cresce la sua bambina, Keren-Or. Accompagniamo Michal nel superare ostacoli apparentemente insormontabili e nei suoi sforzi per dare a sua figlia la vita che non ha mai avuto per se stessa.

 

I’m From the Jews

Aharon Shem Tov e Niv Hachlili, Israele, 17'

Un giovane insegnante viene costretto dal suo nonno morto a scegliere tra la sua identità di ebreo arabo iracheno, e la sua vita da israeliano, ignorando il passato.

 

Zorn dem Volke

Lorenz Piehl, Germania Germany, 15'

Durante una catastrofe ambientale, Nikolai cerca disperatamente di preservare valori umanistici nel più grande campo profughi presso il confine europeo settentrionale.

 

6 Times Human

Pourya Dailar, Iran, 10’

Le persone nel mondo fanno le stesse cose come mangiare, ascoltare musica, leggere e… Puoi indovinare quale religione professano?

 

Across the Line

Nadav Shlomo Giladi, Israele, 29’

Hananel, un giovane ebreo praticante, è in ritardo per lo Shabbat. Un incontro inaspettato con Mundir, un autostoppista palestinese indesiderato e testardo, porta Hananel ad una serie di equivoci che gli insegneranno qualcosa sulla comunicazione, l’amicizia e l’amore.