GLI APPUNTAMENTI DEL PRIMO SEMESTRE 2013

Martedì, 1 Gennaio, 2013
17 gennaio - 1 giugno 2013
Da Trento a Malé, da Cagliari a Bassano, un calendario di appuntamenti per valorizzare lungo tutto l'anno i migliori titoli di Religion Today.
 
IL CALENDARIO
 
Giovedì 17 gennaio 2013, ore 20.45
Trento, Centro Bernardo Clesio, via Barbacovi 4
Speciale giornata del dialogo ebraico-cristiano
MY AUSTRALIA, di Ami Drozd, Israele, 2011, film, 96' 
La soffitta di un edificio nasconde in un plastico un mondo segreto – l’Australia – pronto per essere animato dalla voce e dalla fantasia di un bambino. Ma il gioco di Tadek (uno straordinario Jakub Wróblewski) è subito interrotto da un fischio del fratello Andrzej, che lo chiama ad unirsi alla banda di quartiere per un’incursione contro i vicini ebrei. Anche se i canguri di Tadek sono pugili combattivi, c’è un brusco risveglio tra l’innocenza infantile della scena iniziale e la violenza brutale che sta per seguirla. 
Polonia, 1960. Il piccolo Tadek e suo fratello sono stati cresciuti come cattolici. Ma quando vengono arrestati, dopo l’aggressione antisemita, la madre, sopravvissuta all'Olocausto, non ha altra scelta che rivelare al maggiore che in realtà sono ebrei. Facendo credere a Tadek che sono diretti in Australia, la terra delle sue fantasie, la famiglia si imbarca invece per Israele… 
“La mia Australia” è un film tenero e potente che si confronta con argomenti non facili - l'antisemitismo e il neonazismo nella Polonia del dopoguerra, la scelta di tanti ebrei di nascondere le proprie origini e farsi passare per cristiani – per esplorare un capitolo importante ma spesso trascurato della storia europea e israeliana.
Diviso tra mondi in conflitto - l'infanzia e l'adolescenza, il suo creativo universo interiore e la realtà esterna della dura necessità – Tadek, ebreo e cristiano, polacco e israeliano, è un ragazzino scaltro e dolorosamente sensibile, allegro e vivace, sconfinatamente curioso e determinato rispetto ad una raffica di sfide alle quali deve far fronte con informazioni incomplete e spesso fuorvianti. Il suo è un mondo in cui tutti, bambini e adulti, per sopravvivere fanno tutto ciò che deve essere fatto - mentire, imbrogliare, rubare, combattere - e Tadek non meno degli altri. Eppure l’Australia dei suoi giochi rivela il desiderio di essere altrove, di trovare rifugio in un mondo immaginario, lontano, esotico, dove scoprirsi libero di essere diverso dal proprio cliché del “ragazzo di strada”. Attraverso le avventure e il punto di vista ingenuo e saggio di Tadek, il film – basato su esperienze personali del regista - esplora con sensibilità e umorismo i concetti di famiglia, casa, patria e identità in un mondo che il trascorrere dei decenni non ha reso meno complesso.
 
 
Giovedì 14 febbraio 2013, ore 20.45
Trento, Centro Bernardo Clesio, via Barbacovi 4
Speciale San Valentino: l’amore tra cielo e terra
RIDING FOR JESUS di Sabrina Varani, Italia, 2011, doc, 55’
A volte la salvezza dell’anima corre su due ruote: Pastor Paulee e Annalisa sono bikers cristiani che dedicano la loro vita a chiunque abbia bisogno di aiuto. Hanno alle spalle un passato difficile fatto di violenza e tossico-dipendenza, ma ora sono ferventi adoratori di Gesù, in sella alle loro rombanti Harley Davidson sulle strade del Texas. Cinque anni fa Pastor Paulee e Annalisa hanno fondato una chiesa a Las Vegas: da allora forniscono sostegno spirituale a persone in difficoltà, aiutando anche bikers fuorilegge, ancora etichettati come “cattivi ragazzi”. Oggi vivono in Texas e continuano la loro missione per gli Stati Uniti. Segno che una radicale inversione di marcia è sempre possibile.
"Periferia di Las Vegas, dove le montagne aride annunciano il deserto, fuori dal fasto del centro della città, dei suoi grandi alberghi, strip-bar e casinò. Un gruppo di persone si tengono per mano formando un cerchio; tra loro un uomo con una lunga barba bianca, un giubbotto logoro di jeans e una bandana colorata di fiamme rosse, sussurra parole che tutti ascoltano a occhi chiusi. Con una parola all'unisono sciolgono il cerchio: Amen. L'uomo con la bandana è Pastor Paulee, un pastore battista che guida un gruppo di motociclisti cristiani evangelici: i "Circuit Riders". Dopo la preghiera si preparano a partire per il grande raduno del Loughlin River in Nevada. Scaldano le moto, caricano i furgoni con cibo, tende, chitarre, bibbie, volantini e un imponente leggio costruito con pezzi di manubrio cromato. Una comunità rigidamente religiosa che corre in moto lungo le highways americane e vive tra le pieghe nascoste di una città scintillante e sofferente. Storie di uomini e donne che raccontano un viaggio dantesco; dall'inferno della violenza, della droga, dell'alienazione, fino ad una nuova vita in cui si dedicano ad aiutare gente in ogni sorta di situazione socialmente critica, attraverso interventi concreti di aiuto ad homeless, drogati, prostitute e di prevenzione nelle scuole contro la droga."
 
 
Giovedì 7 marzo 2013, ore 20.45
Trento, Centro Bernardo Clesio, via Barbacovi 4
Speciale Festa della donna. Religioni al femminile
EVERY NIGHT, LONELINESS di Rasoul Sadrameli, Iran, 2009, film, 90’
Atieh è autrice e speaker di un programma radiofonico sulla vita di coppia. Gravemente ammalata, parte con il marito Hamed che la coinvolge controvoglia in un pellegrinaggio alla città santa di Mashad. Tra i due sposi cresce a poco a poco un’incomprensione strisciante che si nutre paradossalmente del loro stesso amore. Di fronte alla prossimità della morte, la loro relazione non riesce ad espellere le tossine della paura e dell’egoismo. 
Nel proprio percorso Atieh metterà in dubbio il rapporto con il marito, con gli altri e con Dio, fino all’incontro con una bambina smarrita che cambierà la sua prospettiva sul mondo. Un intenso itinerario di fede che ha per teatro un luogo simbolo della religiosità sciita ma che nondimeno prende sul serio i modi di credere e le difficoltà a credere tipici della contemporaneità non solo occidentale. Una penetrante indagine dell’animo femminile e una finestra su un mondo al bivio fra tradizione e cambiamento.
La proiezione si inserisce nel ciclo di appuntamenti mensili organizzati in collaborazione con il Centro Diocesano per l'Ecumenismo e il Dialogo Interreligioso di Trento per valorizzare lungo tutto l'anno i migliori titoli di Religion Today Filmfestival.
 
 
12-19-26 aprile 2013, ore 21
Malé, Sala conferenze del municipio
Dall’archivio di Religion Today
Un percorso cinematografico dedicato al dialogo tra cinema e religioni, con la proiezione di tre titoli dell’edizione 2012 di Religion Today si è svolto dal 12 al 26 marzo a Malé. L’iniziativa promossa dal Circolo Culturale S. Luigi e da Associazione Bianconero ha proposto delle proiezioni gratuite nella sala conferenze del municipio secondo il seguente programma: il 12 marzo “Admissions – Sala d’attesa”, di Harry Kakatsakis (Usa); il 19 marzo “Football is God – Il calcio è Dio”, di Ole Bendtzen (Danimarca), il 26 “Kaddish for a friend – Kaddish per un amico”, film di Leo Khasin (Germania).
 
 
Giovedì 18 aprile 2013, ore 20.45
Trento, Centro Bernardo Clesio, via Barbacovi 4
Nello spirito della fede
FOOTBALL IS GOD - IL CALCIO E' DIO, di Ole Bendtzen, Danimarca, 2010, doc, 53'
“Football is God” esplora la stretta relazione tra la fede e il calcio, seguendo tre fan del leggendario Club Atlético Boca Juniors - in breve il Boca - di Buenos Aires, Argentina. Un film sul calcio - e molto di più. Un film sulla fede, la passione e la necessità di sentirsi parte di qualcosa di più grande di se stessi.
Il documentario si è aggiudicato il Gran Premio “Nello spirito della Fede” della XV edizione di Religion Today Filmfestival e una menzione speciale della Giuria Signis. Nelle parole dei giurati, “il regista ha saputo cogliere nella vivacità prorompente dei testimoni del documentario il bisogno istintivo di un assoluto che si concretizza nella squadra del cuore. Il Boca diventa il catalizzatore del bisogno di felicità che è in fin dei conti bisogno di Dio per cercare di uscire dalla povertà e dalla miseria più avvilente”.
 
 
Martedì 14 - Mercoledì 15 maggio 2013, ore 19.00 - 21.30
Cagliari, Cinema Odissea, viale Trieste 84
Religion Today alla Settimana della cultura iraniana in Sardegna
Anche l’Associazione Amici di Religion Today partecipa alla Settimana della cultura iraniana in Sardegna in programma a Cagliari dal 10 al 18 maggio. L’iniziativa, organizzata dall'Associazione Amici del Libano Sardegna in collaborazione con l'Istituto Culturale dell'Iran a Roma e il contributo della Provincia di Cagliari e dell'Assessorato alla Cultura, Attività Culturali, Musei, Spettacolo, Sport, Pubblica Istruzione del Comune di Cagliari, prevede tra l’altro un doppio appuntamento alla scoperta delle nuove tendenze del grande cinema persiano.
Nelle giornate di martedì 14 e mercoledì 15 maggio, la cooperativa Spazio 2001 proporrà due lungometraggi dall’archivio del festival di cinema delle religioni presso il Centro di cultura cinematografica Spazio Odissea del capoluogo sardo. Alle serate parteciperanno Stefania Medda di Spazio 2001, Iosè Manca per l’Associazione Amici del Libano e lo scrittore Gianluca Floris. I film saranno introdotti e commentati dalla direttrice di Religion Today, Katia Malatesta. Ingresso gratuito, info 070271709.
 
BAREFOOT IN HEAVEN - A PIEDI NUDI IN PARADISO, di Bahram Tavakoli, film a soggetto, Iran 2008, 85’, sottotitoli in italiano
In una clinica per malati terminali, un medico sperimenta nuove “terapie” sugli ammalati, facendo coincidere la malattia con il concetto di peccato. Un giovane religioso alla ricerca della sua vera vocazione si offre come assistente spirituale, e nel curare i corpi degli ammalati scopre come entrare “a piedi nudi in paradiso.
 
GOLD AND COPPER - ORO E RAME, di Homayoun Asadian, film a soggetto, Iran 2011, 97’,
sottotitoli in italiano
Seyed Reza è un giovane studente di teologia che si trasferisce a Teheran per completare la sua istruzione frequentando un corso di etica. La malattia di sua moglie, colpita da sclerosi multipla, cambierà però la sua vita: per amore di lei è costretto ad abbandonare il seminario e a prendersi cura della sua famiglia.
 
 
Giovedì 16 maggio 2013, ore 20.45
Trento, Centro Bernardo Clesio, via Barbacovi 4
Viaggio nelle differenze
Si conclude il ciclo degli appuntamenti mensili organizzati con il Centro Diocesano per l'Ecumenismo e il Dialogo Interreligioso di Trento presso il Centro Bernardo Clesio di Trento per estendere ai mesi invernali e primaverili la riflessione del Festival su cinema, fede, religioni, dialogo.
La serata proporrà due film dalla XV edizione del Religion Today Filmfestival, per un viaggio tra popoli, culture, religioni attraverso diversi generi e stili delle "immagini in movimento".
 
THE PILLARS - I PILASTRI, di Moustafa Zakaria, cortometraggio a soggetto, EAU, 2012, 16', sottotitoli in italiano
Scandito in capitoli intitolati ai cinque pilastri dell'Islam, il film è ambientato in una città senza nome degli Emirati Arabi Uniti. Qui un uomo tenta di ritrovare la stima di sé dopo aver preso coscienza del proprio fallimento, mentre una donna affronta con determinazione il proprio futuro perché ha preso coscienza di avere uno scopo. Un tempo erano marito e moglie.
 
SUONO PURO. I MONACI TIBETANI DI GYUTO, di John Doggett-Williams, Australia, 2012, doc, 52'
Narrato da Toni Collette (premio Emmy 2009), un raro 'dietro le quinte' nella vita dei monaci Gyuto, maestri del buddismo tibetano, conosciuti in tutto il mondo per il loro canto armonico. Ma per i monaci questo à solo un aspetto di una vita dedicata alla ricerca della perfezione personale e al miglioramento del benessere di tutti gli esseri viventi.
 
 
Venerdì 17 maggio 2013, ore 20.30
Trento, Villa S. Ignazio, via delle Laste 22
Cinema, pittura e religione con I colori della Passione
La serata, nata dall’iniziativa di alcuni Enti operanti nell’ambito della Fondazione S.Ignazio Trento: l’Associazione Bianconero, l’Associazione FratelVenzo, gli Amici di Villa S. Ignazio, la Diaconia della Fede e la Cooperativa Villa S. Ignazio, proporrà il film vincitore all'ultima edizione del Festival nella categoria Miglior Film, premiato per "il suo grandioso stile narrativo e visivo e per il suo profondo sguardo nella storia del popolo fiammingo e della sua arte".
La proiezione sarà introdotta da Katia Malatesta e da Ezio Chini.
 
THE MILL & THE CROSS - I COLORI DELLA PASSIONE, di Lech Majewski, Svezia-Polonia, 2010, film, 96' 
Partendo dai disegni preparatori di Breugel, il film invita lo spettatore a ricostruire il significato più profondo della Salita al Calvario, capolavoro epico dell'artista: una grande storia di coraggio, ribellione e sacrificio. Una meditazione sull'arte e sulla religione come processi continui di narrazione e di reinterpretazione collettiva; un tour de force cinematografico sulla libertà di culto e i diritti umani.
 
 
Sabato 1 giugno 2013, ore 20.30
Villa San Giuseppe Via Ca’ Morosini 41 – Bassano (VI) 
Religion Today incontra il Festival Biblico
Per il terzo anno consecutivo Religion Today Filmfestival verrà ospitato all’interno del Festival Biblico, il prestigioso appuntamento organizzato a Vicenza e provincia dalla Società San Paolo e dalla diocesi vicentina. Per la sua IX edizione la manifestazione veneta ha scelto il tema “Se conoscessi il dono di Dio (Gv 4,10a)”. Fede e libertà secondo le Scritture, in sintonia con l'anno della fede indetto da Benedetto XVI e con le celebrazioni per i 1700 anni dall'editto di Costantino; un’occasione unica per scoprire la straordinaria attualità delle Scritture anche attraverso modi e linguaggi diversi come quello del cinema, da sempre al centro del percorso di Religion Today.
Proprio la dialettica tra fede e libertà è al cuore della proposta filmica offerta dall'Associazione Bianconero – Religion Today Filmfestival in collaborazione con l’Associazione Amici di Villa San Giuseppe di Bassano. 
Dall’archivio di Religion Today per l’occasione è stato scelto il film israeliano “Halakeh” di Avigail Sperber, il racconto della tensione all’interno di una giovane coppia di ebrei in merito alla fede.
 
HALAKEH, di Avigail Sperber, Israele 2008, film a soggetto, 50’ 
Yoni, un tempo appena osservante, è ora devoto della tradizione cassidica di Breslov, mentre sua moglie Yael rimane seguace di un ebraismo più moderato. Lungo la strada per il Monte Meron, dove si celebra il rito chiamato Halakeh, la tensione tra i due sposi si esprime in una vera battaglia per l'anima del figlio di tre anni, coinvolto nella crisi tra matrimonio e fede.
 
 
Il programma può cambiare e sarà progressivamente aggiornato su questa pagina. Per maggiori informazioni: segreteria@religionfilm.com, tel. 0461 981853.