LE OPERE AMMESSE ALLA NONA EDIZIONE DI RELIGION TODAY

Trento
Mercoledì, 30 Agosto, 2006
La scorsa edizione di Religion Today, Festival di Cinema e Religione con una giuria internazionale presieduta dal regista Krszystof Zanussi, ha avuto grandi risposte di pubblico e critica: dopo Trento ha proseguito il suo percorso a Nomadelfia (Grosseto) e ai Jewish Film Days di Gerusalemme; altre tappe sono state Teheran e Milano. La commissione artistica sta lavorando a pieno ritmo per preparare la nona edizione dedicata quest’anno al tema “Cielo sulla terra: il miracolo” (Roma, 29 settembre ; Trento, 11-14 ottobre)
 
LE OPERE AMMESSE ALLA NONA EDIZIONE DI RELIGION TODAY
 
Tra 118 film pervenuti, provenienti da 18 nazioni (Bangladesh, Bosnia Erzegovina, Bulgaria, Canada, Croazia, Danimarca, Francia, Georgia, Germania, Giappone, India, Iran, Israele, Italia, Russia, Slovenia, Svizzera, Usa) e rappresentanti delle principali religioni (Cristiana nelle sue confessioni Cattolica, Ortodossa e Protestante; Ebraica; Samaritana; Islamica; Sufi; Induista; Buddista; Precolombiana; Sciamanica), l’apposita commissione ha selezionato 45 opere che saranno proiettate a Trento dal 11 al 14 ottobre prossimi .
 
13 lungometraggi a soggetto
A GREEN CHARIOT di Gilad Goldschmidt – Israele; A PIECE OF BREAD di Kamal Tabrizi – Iran; ANTONIO, GUERRIERO DI DIO di Antonello Belluco – Italia; DAY BREAK di Hamid Rahmanian – Iran; HE MOON FACED di Rouhollah Hejzi – Iran; IL PETTIROSSO di Parviz Sheiktadi – Iran; HE di Rahbar Ghanbari – Iran; L’ALBERO DELLA VITA di Leo Taddeus – India; MENTRE TUTTI ERANO ADDORMENTATI di Fereydoon Hasanpour – Iran; PERCHE’ ACCADE? di Ajay Kanchan – India; QUANDO SI MANGIA? (WHEN DO WE EAT?) di Salvador Litvak – Usa; VIAGGIO A HIDALOU di Mojtaba Raee – Iran; WASSERMAN di Idit Shechori – Israele 
 
11 cortometraggi
CON LUI (BA OU) di Naghi Nemati – Iran; IL VENTO SOFFIERA’ ANCORA di Esmael Y.Ramandi – Iran; KAPAROT di Keren Hakak – Israele; MONOTEISMO di Mohammad Tamini – Iran; ONE TOO MANY di Shaiya Bernstein – Israele; PER CHI SUONA LA CAMPANA di Dzemal Sabic – Bosnia Erzegovina; SILENT TOWER di Moustafa Mansoryar – Iran; SUGARLESS di Chaim Elbaum – Israele; TANTED di Elkie Hershberg – Israele; THE GOSPEL ACCORDING TO KLOVIC di Bernardin Modric – Croazia: UNA LETTERA PER ANDRE’ di Z.Zamani e A.Hjipoor – Iran 
 
22 documentari
25 ANNI DI MEDJIUGORE di Bostjan Debevec – Slovenia; A SIRACUSA DOVE PIANSE MARIA di Carlo e Paola De Biase – Italia; AS PARLATTË – LE PARLATE DI ENTRACQUE di M.Pellegrino e S.Gastinelli – Italia; CON ESTREMA CRUDELTA’ di Rossen Elezov – Bulgaria; COVENANT: WOMAN, GOD AND ALL BETWEEN di Nurit Jacobs Yinon – Israele; FAITH IN EUROPE di Vagn Olsen – Danimarca; HANUZSKA di Nurit Kedor – Israele; I MEET GOD IN THE DARK di Nick Goryachkin – Russia; IL GRANDE SILENZIO di Philip Gröning – Germania; JUSTICE A AGADEZ di Lelong Christian – Francia; LA PENSIONE DEL PRETE di Andrea Canetta – Svizzera; LA VERGINE MARIA di Merab Gagua – Georgia; LA VIA DELLA SETA: ASCESA NEL BLU di Shohei Shibata – Giappone; LIFE ON THE OTHER HAND di Jamshid Mojaddadi – Iran; NAVAKAL di Prithwiraj Misra – India; OPUS DAY: DECOCING GOD’S WORK di D.Nagliari e M.Boudignon – Canada; POSSIBLE DIALOGUES di Maria Trayanova – Bulgaria; SONG REMAINS THE SAME di Haris Prolic – Bosnia Erzegovina; THE FASCINATION OF FAITHA di Marita Neher – Germania; THE GIANT BUDDHAS di Christian Frei – Svizzera; TRUTH AND BEYOND di Ahmed Muztaba Zamal – Bangladesh
 
2 opere fuori concorso
DIARIO TRENTINO DELLA GMG 2005 di A.Cagol – Italia; OCCHI DI BAMBINO, di T.Pallottino e F.Lopes – Italia/Guinea Bissau
 
Tra questi lavori la giuria internazionale e interconfessionale, che vede la partecipazione finora confermata della giornalista vaticanista Alessandra Borghese, di Sheikh Abdul Aziz Bukhari, capo della comunità Sufi di Gerusalemme e del regista israeliano Ohad Ufaz, assegnerà il Gran Premio “Nello Spirito della Fede” e i riconoscimenti al miglior film di ciascuna sezione. 
Come sempre, saranno attribuiti anche alcuni premi tematici proposti dagli Enti che collaborano con il Festival e un riconoscimento speciale sarà conferito al film che meglio rappresenterà il tema specifico di quest’anno dedicato – lo ricordiamo – all’approfondimento di “Cielo sulla terra: il miracolo”.